Il Cotignola torna in Vallata

24/10/2020

Domani alle 14.30 Vallante e compagni tornano ad affrontare una delle rivali dello scorso campionato di Promozione. Tanti i rinvii in categoria e nel girone.

 

L’atmosfera, inutile negarlo, è quella di una profonda incertezza, tendente al cupo. Nei tre raggruppamenti di Eccellenza saranno solo otto le partite disputate nel weekend, con ben sei rinvii su sette gare nel Girone A. Nemmeno il girone C è esente da una pandemia che costringe ai box sei sulle quattordici partecipanti: quattro le gare in calendario, tra le quali Valsanterno – Cotignola.

 

Non cambia il protocollo adottato nelle scorse gare interne in Vallata: si giocherà ancora una volta a porte chiuse – servizio di diretta in live streaming del match sulla pagina Facebook della Valsanterno 2009 – con ingresso riservato ai soli tesserati entro il limite della capienza complessiva del 15% dei posti a sedere. L’avvento dell’ora solare, invece, muta l’orario di inizio della gara, anticipando alle ore 14.30 il fischio d’inizio, affidato al signor Papaserio della sezione di Catania. Per la seconda volta nella storia della Valsanterno – era già capitato la passata stagione contro l’Atletico Castenaso nel match vinto dai valligiani nel dicembre scorso – la partita sarà diretta da un arbitro proveniente da un comitato diverso da quello emiliano-romagnolo.

 

 

L’avversaria che torna al Comunale di Borgo Tossignano è una vecchia conoscenza della Valsanterno. Il Cotignola, secondo classificato proprio alle spalle dei valligiani in campionato, ha guadagnato il salto di categoria tramite il ripescaggio giunto a fine estate. Formazione estremamente quadrata quella di mister Folli, composta in larghissima parte – così come in Vallata – da giocatori già componenti della rosa della passata stagione. Non inganni la classifica, che vede a punteggio pieno Vallante e compagni a fronte di una formazione ravennate ancora ferma al palo dopo i due knock out in altrettante partite. «Sarà una partita ostica e rognosa, di quelle che diventano complicate se non vengono sbloccate», dichiara mister Gian Carlo Felice. «Li conosciamo bene e per questo sappiamo che non dovremo in alcun modo sottovalutarli: sono stati l’unica formazione contro la quale abbiamo faticato l’anno scorso e hanno integrato un portiere come Carroli, in grado di portare punti da solo». Un inizio di stagione che in casa Valsanterno è stato accolto positivamente, amplificando le buone aspettative riposte nel gruppo formato in estate. «Uno degli obiettivi miei e di Fabio Paterna, in sede di programmazione, era quello di tenere in rosa il 90% dei giocatori e il direttore sportivo Maiardi è stato bravissimo a garantirci le conferme e qualche innesto di qualità. C’è un gruppo stupendo, capace di compattarsi anche di fronte alle difficoltà e a reagire dando qualcosa in più: ne è dimostrazione il contributo che danno tutti, dai titolari a chi subentra senza diminuire la qualità». La gara di Coppa, giocata mercoledì, restituisce ai valligiani l’ennesimo feedback positivo stagionale. «Traiamo consapevolezza dal fatto di essercela giocata bene, anche se da una parte e dall’altra c’erano tante assenze. Ci è mancato quel pizzico di malizia che non ci ha permesso di portare a casa un altro successo dopo essere passati in vantaggio, ma il fatto che i ragazzi siano usciti dal campo arrabbiati per il pari subito ci fa pensare che faranno di tutto per riscattare una partita che avremmo potuto vincere».

I nostri sponsor

Previsioni meteo sui campi - Casalfiumanese

Copyright © 2020 Valsanterno. Tutti i diritti riservati. | Privacy Policy

Sito generato con sistema PowerSport