Paterna lascia il calcio, ma solo da giocatore

10/05/2018

Per lui nuovo ruolo in Valsanterno

Ecco l'intervista realizzata con "Pato" prima dell'ultima gara di domenica , che ha sancito l'addio al calcio giocato (nella foto festeggiato dai compagni a fine partita).  
Fabio Paterna ha deciso di dire stop al calcio giocato. 39 anni, tre figli, "Pato" chiude in Valsanterno una lunga carriera, fatta di grandi stagioni, tanti gol, di scelte di vita in vari momenti.
Partiamo dalla fine. E’ definitiva dunque la decisione di appendere le scarpe al chiodo?

"Sì, è vero. E’ già da qualche anno che penso di smettere, ma la voglia è sempre tanta e ho proseguito. A dire il vero la voglia l’avrei ancora, fisicamente sto bene, ma un po’ l’età, e un po’ la famiglia, il desiderio di passare più tempo con i miei figli, mi hanno fatto decidere. Mia moglie è bravissima, ma è giusto che anch’io sia più presente. Praticare calcio a certi livelli comporta un impegno notevole:tempo ed energie fisiche e mentali. "

Ripercorriamo la tua carriera. Imolese 5 stagioni tra D e C/2. Poi 6 stagioni a San Lazzaro (Felsina e Bo.ca) sempre tra D e C/2. Poi Rovigo in C/2, due stagioni a Castel S.Pietro in C/2.

"Sì esatto. Dopo Castel S.Pietro, a 30 anni, ho iniziato a lavorare e ho scelto di diminuire l’impegno, scendendo di categoria. Sono stato a S.Antonio in Promozione, due anni alla Dozzese in 1^categoria e Promozione, due stagioni a S.Patrizio in Promozione".

Poi nelle ultime tre stagioni alla Valsanterno, con due promozioni, dalla 2^ categoria alla Promozione.

"Sì, tre anni fa ho fatto ancora una scelta di vita, scendendo dalla Promozione a S.Patrizio alla 2^ categoria. Avevo iniziato a lavorare in Cims, in più per l’amicizia che mi legava a Devis Caroli, a Claudio Poli ecc.ho scelto la Valsanterno. Ho fatto una scelta a livello più di amicizio che di ambizioni".

Parliamo della stagione che sta per chiudersi. 7^ posto e una salvezza raggiunta da tempo. Diciamo che come primo anno in Promozione è andata bene. Peccato per quella parte di stagione con qualche sconfitta di troppo....

"Sono convinto che la Valsanterno debba continuare nella politica dei piccoli passi e quest'anno consolidare la categoria come 1^ anno era sicuramente la cosa più importante. A livello di organico la Valsanterno, dopo il Medicina, è tra le squadre migliori del girone. Senza quel periodo di flessione, sicuramente avremmo lottato per qualche piazzamento più alto"

C'è una stagone che ricordi in modo particolare della tua carriera?

"Direi due. A Imola quando abbiamo vinto il campionato. Avevo 19 anni. Sono passati 19 anni ma ricordo sempre molto volentieri quella stagione. Da poco abbiamo fatto una cena con quella squadra e sembrava fossero passati 19 giorni..non 19 anni...Di tanto in anto ci ritroviamo, questo per sottolineare che ambiente c'era...Poi ricordo gli anni di C2 a San Lazzaro e Rovigo. Anni importanti con belle soddisfazioni. Anni in cui si gocava davanti a 5-6 mila spettatori, in cui sono andato in doppia cifra e sono convinto restino tra le stagioni migliori della mia carriera".

Per chiudere, la domanda è d'obbligo: adesso cosa farai?

"Rimango in Società e farò il Direttore sportivo. Mi trovo molto bene alla Valsanterno e ho decisio di accettare questo nuovo ruolo, sperando di fare bene e di fare qualcosa che mi piaccia!" M.G.

Facebook

I nostri sponsor

Moduli di iscrizione

Modulo iscrizione Esordienti e Pulcini del settore giovanile della Valsanterno.

Modulo Iscrizione 2014

Regolamento Iscrizioni 2014

Informativa Privacy

Modulo Privacy

Sponsor

Iscriviti alla newsletter

Non sono presenti liste pubbliche a cui potersi iscrivere.

Visite del sito

Totale visite: 388883.

Copyright © 2014 Valsanterno. Tutti i diritti riservati.

Sito generato con sistema PowerSport